martedì 27 luglio 2021

Buone Vacanze! - dal Sud

Chi non si è mai spostato, o chi lo ha fatto per poco, non potrà mai rendersene conto. Di come si vive la vita al Sud. 

Il Sud bistrattato e punito; spesso rinnegato, pugnalato, straziato; che fa sangue da ogni taglio, da ogni piaga che lo affligge. Il Sud con le sventure che non passano; che si alleviano, forse, ma non passano: la mala sanità, la corruzione, il degrado, la disoccupazione, la criminalità organizzata, lo spirito rassegnato di chi il Sud tenta di trascinarselo a spalla come un figlio che accompagna la madre ferita, con lo stesso orgoglio, la stessa fierezza, la stessa generosa apprensione. 

Quanta bella gente è il Sud, quanta preziosità d’animo.

Chi c’è dentro non lo vede. Non vede che al Sud ti rimane meno tempo per sentirti infelice. È un paradosso, il tratteggio di un profilo che metti a fuoco solo se lo guardi da lontano. Lo vedo io, che torno una volta o al massimo due all’anno. Al Sud, lontano dalla solitudine asfissiante del traffico metropolitano, dagli sguardi assenti sui mezzi pubblici, dalla corse affannose per arrivare puntuali, dai giochi di prestigio per far quadrare la quotidianità, la famiglia, i figli, le piccole cose. 
 
Il valore di ciò che possediamo siamo in grado di valutarlo solo quando non ce l’abbiamo più. È la natura umana, volubile e instancabilmente inquieta.

E allora, quando torno, il tempo di dilata, si centuplica, ne avanza, me lo arrotolo tra le dita, nei pensieri. Ma non è un tempo affannoso, inconsistente, svuotato.

È un tempo fatto di risvegli carichi di luce, di sorrisi per strada, di vento tra gli alberi, di come stai, quanto ti fermi, come vanno le cose, di mani tese, di carezze ai bambini, di doni passati dalla finestra, un dolce, le uova fresche, le zucchine, le melanzane, i peperoni dell’orto, di una telefonata, ci vediamo, vieni a cena, prendiamoci un caffè, se hai bisogno di qualcosa non farti problemi a chiedere... 

Il Sud con il suo proverbiale altruismo, con le chiacchiere regalate a cuor leggero, senza ripensamenti, senza lo gogna del facciamo tardi. Il Sud povero ma ricco. Ricchissimo. Che trabocca di quella umanità di cui stiamo imparando a fare a meno. Che colma di un senso di pienezza le giornate che si allungano, sì, si allungano, come fossero due, tre giorni incastrati insieme, ma privi della stanchezza di sorridere ancora. 

Sono al Sud, lo avrete capito, era solo per augurarvi BUONE VACANZE, amici. Assai buone, per quanto possibile. Con tanto tanto, tanto affetto.

Lungomare di Reggio Calabria - estate 2021

21 commenti:

  1. Hai scritto un post meraviglioso.
    E anche se ormai non me ne stupisco più, perché i tuoi post lo sono sempre, ogni volta riesci a definire dei tratteggi così nitidi ed incantevoli da far restare senza fiato. Le parole ti scivolano sulla tastiera con una facilità sorprendente, una dialettica che di rado si trova in questo variegato mondo del web.
    Sarà che il sud lo amo anche io, pur avendolo vissuto poco. E allora queste parole mi entrano dentro ancor più in profondità.
    Buone vacanze e un abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sara, tu, quando leggi me, provi le stesse emozioni di quando io leggo te ^_^
      Viviamo un incanto reciproco. è una cosa meravigliosa questa <3

      Buone vacanze e un abbraccio immenso :*

      Elimina
  2. L'ho visto in costruzione quel lungomare.. più di vent'anni fa..quando ero di vacanza a Melito Porto Salvo, e c'è ne andavamo su a Pentidattilo, e ad ucciderci di pesce a Bova Marina per due lire..poi trovavo anche i topi sulla spiaggia ad Amantea però, posti dove quelli di Rimini piazzerebbero un migliaio di bandiere blu, se li lasciassero lavorare. Sono siciliano di origine, il sud ce l'ho nel sangue, mia moglie è siciliana invece, e anche sul blog puoi trovare infiniti omaggi e anche l'amarezza però, per l'impotenza legata all'incapacità. "Sud povero ma ricchissimo", dici bene, e io vorrei andasse meglio. Molto meglio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sai che di recente leggevo del sindaco Italo Falcomatà. Un grande uomo. Il sud straripa di grandi uomini (e donne) che potrebbero fare grandi cose, però vanno tutti via. è lunga da discutere. Come poi dicevamo su quel di fb, parlavo più di un coscienza spirituale che collettiva,:))
      Bune vacanze caro Franco, anche io adesso sono in Sicilia

      Elimina
  3. *ce, ovviamente, io i correttori automatici li ammazzerei tutti..🤣

    RispondiElimina
  4. L'hai descritto benissimo il sud. Fino a qualche anno fa frequentavo catania una o due volte all'anno... croce e delizia. Da impazzire e da innamorarsi. Attrazione ve respinzione (si dirà così???)
    Buonissime vacanze, allira
    😉

    RispondiElimina
    Risposte
    1. con me sfondi na porta, Alberto: io sono fuggita a 18 anni. Figurarsi se quella attrazione respinzione non mi appartiene :)
      Buona vacanzissime a te :*

      Elimina
  5. Quanto amore trovo nel tuo post, lo stesso che ognuno dovrebbe avere per la propria terra. Conosco poco il sud ma il "mio" affaccia sull'Adriatico e mischia con lo Jonio. In terre pugliesi visitammo quel che c'era da vedere ma ci innamorammo delle persone che abitano lì, forgiate da limoni dolci, pomodori succosi e fichi mielosi. Lì stavo bene, il dialetto era incomprensibile ma la cadenza dopo una settimana era già mia e imparavo a mischiare la mia vecchia cucina con la nuova, ricca di verdure cucinate in mille modi. Non torno da tanto e provo nostalgia per quella semplicità e facilità di rapporti che diventa subito casa e da cui non volevamo partire. Sì, riconosco in quel che scrivi tutta la ricchezza di cui dici così bene e che dovremmo imparare pe non scordare.
    Bentornata Dadirri, un affettuoso e grato abbraccio.
    P.S.: Che bella la foto che mostri.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sari adorata, nella foto si vede anche mia figlia, è la figurina di spalle sulla sinistra, quella che cammina con gli occhi rivolti al mare. Era felicissima quella sera, mi ha detto: Mamma, quanta aria che si respira qui...
      Forse è quello, è l'aria intrisa del respiro di tutti, un respiro ancora poco trattenuto.
      Ti auguro di tornare prima o poi nella splendida Puglia, e se ci fosse l'occasione, io dispongo di un briciolo di Calabria e di Sicilia :))

      Ogni tanto torno, quando ho parole sincere da dire, qualcosa che per me conta, che voglio conservare in un posto prezioso, mi spiace di non riuscire a coltivare più l'assiduità blogghistica.

      Un abbraccio grande grande grande grande Sari :* a presto

      Elimina
    2. La figuretta rivolta al mare, e che pare avanzare danzando, sta crescendo proprio bene se ha potuto percepire quella fantastica sensazione. Sii contenta Dadirri e scrivi quando e come puoi... tanto qui ci sarà sempre qualcuno ad aspettarti.
      Un abbraccione.

      Elimina
  6. Dopo la Calabria e la Sicilia avresti potuto fare una capatina anche qui, a conoscere quest'altro fantastico pezzo di Sud.
    In Sicilia non ci sono mai stata e spero di rimediare presto.
    Goditi questa meritatissima vacanza e fammi sapere le opinioni filosofiche di Lollo.
    Scommetto che vorrebbe non tornare mai più in città. <3

    RispondiElimina
  7. Dopo averlo letto su Fb, ho sperato che fosse anche qui questo scritto, perché merita molto. Brava, Irene. E buone vacanze.

    RispondiElimina
  8. Buone vacanze! E condivido ogni parola di quello che hai detto considerato che ho vissuto il sud per 24 estati della mia vita :)

    RispondiElimina
  9. Sono stata a Palermo e dintorni , ospite di parenti lontani .
    Mi ci sono trovata benissimo . Gente ospitale e generosa , anche
    parenti di parenti . Ora non ci sono più ma , conservo un'ottimo
    ricordo . Ti auguro buonissime vacanze . (Portami i cannoli.)
    Un abbraccio a tutta la famiglia . Laura
    PS. Molto bella la Piazza e tua figlia .

    RispondiElimina
  10. ..pero quando manchi di sente..
    Maurizio

    RispondiElimina
  11. Hai abdicato il blog per facebook.. non condivido, ma .. ;)

    RispondiElimina