martedì 23 marzo 2021

Ho deciso di usare il sarcasmo

Si parla tanto di come ci ha cambiato la pandemia, di quali sono stati e di quali saranno gli effetti sociali e antropologici che le chiusure, la crisi economica e tutto il corollario di restrizioni hanno comportato sul nostro modo d'essere e sull'approccio che abbiamo verso il mondo.

Miglioreremo, non miglioreremo, siamo diventati più buoni, finiremo per essere più fetenti, torneremo alla natura, ci immoleremo definitivamente alla tecnologia... Non si sa. Eminenti sociologi, psicologi e tanti altri studiosi che finiscono in "ologi" se ne stanno occupando.

A me, invece, è sorto un dubbio - sull'andamento che abbiamo preso, certo! - . E' successo quando un mio amico che lavora in Amazon mi ha detto che si stanno vendendo MOLTISSIMO dei libri "liberatori". Ha usato proprio questa parola: "liberatori". Ho pensato ad un manuale di psicopedagogia per bambini e adulti, o, che ne so, ad un romanzo particolarmente coinvolgente e con dei messaggi catartici nel contenuto.

E invece no! Si tratta di libricini da colorare. Quelle cose tipo "colora il mandala e rilassati", robe che se mi ci metto io impazzisco dopo il secondo minuto di attività perché la precisione non è il mio forte.

Ma questi di cui parlo sono libri ancora più speciali rispetto ad un semplice fiore ghirogorato dai temi simmetrici.

Partiamo con un titolo che tutto sommato non mi dispiace:

1 - HO DECISO DI USARE IL SARCASMO PERCHE' UCCIDERE E' ILLEGALE 


E fin qui, potrebbe anche essere un pensiero carino (notare le 856 recensioni positive sul sito di Amazon)

Qualche esempio dei contenuti:


Il sarcasmo, soprattutto se condito da una buona e sana dose di humor, è una condizione che dovremmo praticare un pò tutti. 

Ma passiamo al secondo e al terzo titolo:

2 - SEI PIù STRONZO DELLA MERDA




3 - COLORA STO CAZZO




Ora, fermo restando che il 3 vince sul 2 per numero di recensioni e dunque per propensione all'acquisto e all'argomento, ho sorriso scorgendo che "spesso i tre titoli sono comprati insieme" e che, niente popò di meno, "gli articoli sono acquistabili con il Bonus cultura e con il Bonus carta del docente".




Insomma, io non so verso dove stiamo andando. Neppure me lo voglio chiedere. Ma se avete voglia di colorare mentre aspettate l'estate e il futuro incerto... 

31 commenti:

  1. Ahahahah
    Il bonus cultura usato per comprare libri da colorare pieni di parolacce? Figo!
    Io, come te, mi snerverei dopo tre minuti esatti. Quindi questi libri non fanno per me, anche se mi è successo un episodio analogo due mesi fa.
    Il figlio della mia migliore amica ha compiuto 5 anni a fine gennaio. Di solito, tra noi, facciamo regali concordati, per non spendere soldi a vuoto.
    Lei, però, pretendeva che io non comprassi nulla per Francesco, dato che in altre occasioni avevo speso un po' troppo.
    Davanti alla mia insistenza, mi disse "prendigli un libro da colorare, allora".
    E niente, per farla spaventare, le inviai un link di Amazon (appunto) di un libro di parolacce da colorare, chiedendole se andasse bene.
    Non come questi che hai scelto tu, ma proprio parolacce scritte a caratteri cubitali da colorare.
    Insomma, miracolosamente le venne in mente qualcos'altro di utile da farmi acquistare.
    E no, il Covid non mi ha cambiato per niente. Stronza ero, sono e sarò. Ahahahaha
    Baciocco.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahahahahah... Povero Francesco: pensa se gli arrivava il libro con le parolacce. Vabbè, a 5 anni forse ancora non saprà leggere. Senti, allora "Sei più stronzo della merda" non te lo regalo: dato che non ti piace colorare :DDD

      Elimina
  2. Quasi quasi mi ritiro in isolamento su un eremo, dopo aver visto ciò.
    C'è bisogno di comprare un libro di parolacce da colorare? Basta prendere un quaderno e riempirlo di parolacce scritte con i pennarelli :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mio caro Riky son pienamente d'accordo con te.
      Oppure, meglio ancora, per unire il rilassante (????) all'utile, risistemi la cucina come stiamo facendo noi. Ogni scalpellata che dai alle piastrelle puoi indirizzarla sulla testa che vuoi. Ogni martellata sulle dita (mie) puoi recitare un poco santo rosario di parolacce. Tanto con la zona chi ti sente?
      ciao a te.

      Scusa Irene, non ho potuto fare a meno di rispondere a Riky ahhahaha
      Ill sarcasmo va bene per aiutare a sopravvivere ma spendere dei soldi per colorare parolacce... bah! Sinceramente lo farò gratis quando dovrò dare la tinta nella cucina rifatta :)

      Dove stiamo andando? In un galassia lontana lontana che si chiama Fanculonia!!!!
      Sperando che ci ci sta sulle scatole prenda la direzione della galassia ancora più lontana di mavaffanq.....

      Ti basta il mio sarcasmo? ahhahahahahaq
      Un bacio enorme

      Elimina
    2. @Riky, a te no ti ci vedo che riempi un quaderno di parolacce. Al massimo un "perdindirindina" buttato lì, ma sei troppo di animo gentile...

      @Pat, a te invece sì! ahahahhahahahahahahah... che siamo affini io te: se ora come ora ci incontrassimo, ma sai i rosari! :D
      p.s. i rompiballe sono duri a morire: dubito che si ritirino tutti in una galassia a parte (purtroppo!)

      Vi bacio! Entrambi :*

      Elimina
  3. Io ho fatto una riflessione.

    Perché si dice ^porca puttana"
    Potremmo sostituirlo con: ^sporco puttaniere^

    anche (protagonista la donna) ^mi hai rotto la vagina^

    La baza sull'Astra-Zeneca Se non la capite.......
    L'infermiere è pronto a bucare il vecchietto impaurito.
    L'infermiere pensa che bisogna tranquillizzarlo.

    "Signore stia tranquillo. La percentuale dei morti è bassissima. Pensi uno solo su un milione di vaccinati. Lei è il 999.999^
    ah ah!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Voto "sporco puttaniere"! Lo ufficializzo da oggi ^_^ ti farò sapere sulle reazioni.
      Povero vecchietto -_-

      Elimina
    2. Ciao Irene. Sono molto contento per.....

      Elimina
  4. Di vero c'è solo che il sarcasmo è un povero apolide. Vige l'offesa facile e l'acidità andante: autoironia, questa sconosciuta. Quindi si scade, davvero, nell'errore opposto, cercando di sdoganare povertà di spirito.
    Bisognerebbe educare.. ma non ci riusciamo proprio, anzi, peggioriamo la situazione.. quoto Riky al 100%

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per l'autoironia ci vuole grande intelligenza. E l'intelligenza latita, caro Franco. La leggerezza si acquisisce solo quando si ha pienezza di se stessi, quando gli altri diventano una ricchezza e non un bidone di acquiescenza e conferme (illusorie) da cui attingere per la propria autostima ^_^

      Elimina
  5. Io 8nvece lo renderei obbligatorio un libretto così. Così chi vuole sta a casa a colorare rotture di maroni e non esce a romperli agli altri per davvero. Unica cosa il libretto dovrà essere comprato nei negozi che pagano le tasse, però. E l'uomo più ricvo del mondo si fotta pure con i pennarelloni colorati... 😀

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...a pennarelli colorati ho riso mezz'ora! Ancora rido immaginando.
      Se ti piace un libretto in particolare, te lo regalo Alberto! Scegli quale vuoi... Per te, lo vado a comprare in libreria ^_*

      Elimina
  6. E ne vendono anche tanti? Robe da matti. Mah! Buona serata Irene.
    sinforosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Così pare... :(
      Buona giornata, Sinforosa :*

      Elimina
  7. Un modo diverso per difenderesi dalla "paranoia" dell'infinita pandemia...
    Buongiorno a te,silvia

    RispondiElimina
  8. Di sicuro c è di meglio.
    Il mio abbraccio Irene
    Maurizio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Molto molto meglio!
      Un abbraccio, Maurizio :*

      Elimina
  9. premettendo che come idea mi fa morire, ma preferisco affacciarmi dalla finestra a cantare "Vaffanculo" di Marco Masini al mondo intero XD

    RispondiElimina
  10. Questa mi mancava...ma io preferisco ricamare a colorare

    RispondiElimina
  11. Ma davvero c'è gente che li compera ? Non ci posso credere . Scusa ma
    non ho capito il perchè . Io ho di meglio da fare che colorare delle
    stupidaggini . Per esempio , leggere mi coinvolge molto .Vivo in un altro
    mondo e non penso al Covid .

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh sì, sì. Lauretta, a quanto pare li comprano in tanti.
      Se leggessero probabilmente non avrebbero troppo tempo per colorare :))
      Un abbraccio grande e ben ritrovata :*
      Hai festeggiato ieri?

      Elimina
    2. Ieri sono stata tutto il giorno a ricevere telefonate di auguri e
      MAIL dall'estero . Alla sera , orecchie e testa giravano come
      una trottola . Mi sono festeggiata nel limite del possibile con
      mio marito , pranzetto e dolce in casa . In genere andiamo fuori
      ma è tutto chiuso .
      Poi ho visto figlia e nipotina su SKYPE . Loro sono il più bel
      regalo di compleanno .
      Ricambio l'abbraccio . Laura ***

      Elimina
  12. Più che colorare quei libricini io vorrei andare verso un'estate libera il più possibile.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo lo desideriamo tutti! Auguriamoci sia così.

      Elimina
  13. Dovrei comprarlo pure io uno di quei libretti da colorare.
    Però io non lo voglio con le frasi. Lo voglio come quelli dei bambini che colorano principesse, castelli, lupi e sirene :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come la mia Vitti *_*... Se un giorno mai sarà possibile te ne regaleremo uno bellissimissimoooo <3

      Elimina
  14. Boh e noi che ci ostiniamo tanto a fare i grandi scrittori di sta banana, quando basta colorare sto c... (e non me lo fare dire va, che sono una signora!😂) per vendere tanto e diventare virali. 😷😷

    RispondiElimina