domenica 20 settembre 2020

Sono ancora in Macedonia

L’estate è andata. Così dicono. Ora pare che da domani entrerà una nuova perturbazione e caleranno pure i 50 gradi all'ombra che inibiscono le sinapsi cerebrali. Tanto poi ci lamenteremo della pioggia e dei primi raffreddamenti. 

(Non l’ho ancora nominato. Piano, che ci arrivo.) 

E' ricominciata la scuola. Non è come gli anni passati. Ovvio. Si notano di più i frustrati, gli incazzati a morte con la società, i corrosi dall'anno nefasto e le mamme che non tromb(ops!). Soprattutto le mamme che non tromb(ari-ops!). 

Non si nota più così tanto se non ti sei fatto la barba e neppure se non hai strappato via i baffetti. 

E' un momento così, di rincoglionimento generale. 

Io mi sentivo meno stanca quando andavo a lavorare. Mi alzavo alle 5 del mattino e facevo un migliaio di cose. Affrontavo persino ogni giorno il raccordo. Adesso mi sveglio con calma e il primo pensiero è che devo chiamare l’inps per la storia della cassa integrazione di aprile che non è mai arrivata. 

(Ancora? E ancora, sì. 
Ne approfitto per salutare le signorine del call center inps, le quali, poverette, ne sanno meno di me.) 

Dell’estate rimane il caldo. E la confusione dei mesi: quel senso di stordimento che si protrae da marzo e che non è mai passato. Neanche quando il mare lo abbiamo goduto e salutato. 

Io sto confusa, assai. Forse ci si confonde quando la vita si stramba per i fatti suoi, senza che tu ci abbia in fondo messo lo zampino.
 
E tutto è da rifare. 
E tutto è da ricominciare. 

Sto così confusa che non mi riesce un solo discorso lineare e posato. 

Ad esempio, mentre parlo, per dire, della frittata con le zucchine, mi viene da interrogarmi sulla questione dei grembiuli a scuola, che non è paglia, eh!, non lo è affatto: 

a scuola di mio figlio la preside ha imposto categoricamente il grembiule in base all'interpretazione del regolamento anti-Covid: i bambini sono obbligati a tenere il grembiule anche durante l’attività fisica; 
a scuola del figlio della vicina la preside ha vietato categoricamente il grembiule in base all'interpretazione del regolamento anti-Covid: nessun bambino può presentarsi col grembiule, pena l’allontanamento immediato. 

(mumble… 
Lo sapevo! L’ho nominato. Ci arrivavo, prima o poi.) 

«Ma come stai?» mi ha chiesto un’amica che non vedevo dal lockdown. 

«E come sto?» le ho risposto. «Sono ancora in macedonia, io. Come quelle coppe di frutta a pezzetti che prima di mangiartele ci spruzzi sopra un sorso di limone o una lacrima di brandy ma non sai mai veramente tutto quello che ci hanno messo dentro».

E Voi, come state? Mi siete mancati.



35 commenti:

  1. Te e la macedonia!!! Credevo fossi ancora in ferie!!! ahhahaha
    Se parli di quella di frutta, siamo tutti più o mneo piazzati così. Qualcuno anche peggio. Non ha solo le idee tagliuzzate, e ha proprio frantumate, frullate... sì, come dici tu proprio come le mamme che non tromb... ups!!!!! Ma cosa mi fai dire???? hahhaahahh
    Evviva la confusione! In Italia poi la sappiamo creare alla grande.
    Sì ma anche no! No ma forse sì. Mah... tra il sì e il no. preferireri il nì....uff!

    Calma e recita con me:
    Santa Prudenza non farmi perdere la pazienza
    perchè se la perdo poi mi arrabbio e così finisco in gabbio
    ahahahahhahahahahahah

    Bacio galattico bella!!!!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahahahahah!! Io ho iniziato col mantra Patty! Speriamo funzioni *_*
      Ti abbraccio fortissimo e che dio o chi per lui ce la mandi buona :*

      Elimina
  2. Macedonia senza brandy per me.
    Critico tanto Rick, ma sono super astemia. Ahah
    Veniamo a noi.
    Le mamme che non trombano sono una croce. Qui la scuola inizia il 25, ma già nei gruppi fracassano i maroni da giorni. Ed io sono la rappresentante di classe. Pensa che tragedia. Si aspettano che a mia volta rompa gli zebedei alle maestre per rispondere ai loro dubbi del cazzo!
    Ops. Perdonami stella, ma a casa tua mi sento in famiglia e il turpiloquio vien da sè. ����

    Comunque, è un settembre insolito. Non ho voglia di fare niente. La mattina mi sveglio già stufa. Io che sono un uragano.
    Ma passerà. A me e a te.
    Intanto, ti abbraccio forte.
    Love.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Claudia, da me e con me torpiloquia quanto vuoi! :D anzi, torpiloquiamo insieme che è catartico! ;P
      Passerà, speriamo, anzi... ne sono certa!
      P.s. vuoi fare la rappresentante anche qui da me? daaaaaiiiiiii... pagherei per "vederti" all'opera *_*

      Elimina
  3. Ciao e ben tornata Irene. Bello tornare a leggerti. Serena domenica sera e a presto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Scusami Irene se approfitto di questo tuo spazio.
      @Vivì, non riesco a pubblicare un commento nel tuo blog, come mai?

      Elimina
    2. Ciao Vivì! Bello anche per me <3

      Elimina
    3. Sinforosa, approfitta quanto vuoi ^_^ te sei a casa tua :*

      Elimina
  4. E tu sei mancata a noi :)
    Mi piace la metafora della macedonia, preferisco pensarla così, però: un miscuglio di cose buone e dolci che magari al primo impatto non ti rendi bene conto cosa siano, ma che poi in bocca ti sprigionano un sapore fresco e genuino di cui avevi bisogno. Passato lo stordimento, spero che ingranerai di nuovo. Un abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh sì, se non mi mangiano prima, torno a ingranare :D
      Bella e dolce tu, Saretta adorata <3

      Elimina
  5. Ah, ah !!! Bella la storia dei grembiuli e dell'interpretazione delle regole anticovid !!! Ognuno le interpreta a modo suo: tutto chiarissimo !! Spero che tu risolva con l'Inps . Ti auguro un buon autunno. Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'autunno mi piace! Infatti mi conforta pensare che quasi ci siamo :))
      Le interpretazioni anticovid... bè, meglio lasciar perdere :D
      Buon inizio settimana a te, cara Mirtillo <3

      Elimina
  6. Ho corso come un cretino per l'emergenza ora che l'emergenza sta passando (o sta tornando?) mi si dice che devo accelerare... Ecco: più che macedoniato sto spremuto. Ma vabbè, così è

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La spremuta è buona assai. Se sai di ananas potresti avere un discreto successo ^_^
      Sta tornando (?)... Ne riparliamo tra qualche settimana. Nel frattempo accelera piano, che chi va sano va lento e lontano.
      Un abbraccio, Alberto :*

      Elimina
  7. Ah bella, organizzati, che mi hai invitato tu al museo dei palloncini... e ora mi ci devi portare! :P
    E come mi sento... mi sento che da una settimana stiamo diventando matti appresso all'immatricolazione via web all'università di mio figlio: è allucinante, vogliono semplificare le procedure e invece le complicano in una maniera pazzesca, con link che non funzionano, contatti che rimangono inevasi... le segreterie studenti chiuse causa covidistabanana... Esaurita! Per non parlare del rientro a scuola dell'altro mio figlio, ultimo anno di liceo, che è tornato a salutare insegnanti e classe venerdì scorso e da domani resterà a casa per una settimana perché fa parte del primo turno di DAD previsto per tutti.
    Aspè, e come ti pare che a scuola sono imbacuccati, distanziati, dimezzati, privati della ricreazione, dell'attività sportiva e poi il pomeriggio un gruppo di compagni si incontra al bar per studiare chimica insieme? Ma vaf...lo, va!
    E comunque, felice di rileggerti qui, in casa tua!:)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ammmoooreeee
      Il vaf...lo ci sta tutto! Ci sta e ci sta. Eccome se ci sta. Io lo svendo a pacchetti ultimamente: se mai ti servisse una scorta... ^_^
      Le varie organizzazioni scolastiche, di tutti gli ordini e gradi, sfuggono la normale comprensione. Ma poi guardi la Azz in tv e ti spieghi tante cose, specie il suo gusto per il rossetto ^_^

      Ti porto a vedere i palloncini ^_^ ti pare che possiamo perderci proprio adesso una parata a festa di palle e palloni! :P

      Elimina
  8. Ahaha, sarà davvero un anno confusionario, fino al vaccino.
    Sperando che i negazionisti non siano pure no vax!
    La macedonia, buona... ma col gelato.
    Almeno sai cosa ci metti tu dentro :)

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ovvio che saranno no vax. Anche se, effettivamente, in questo parapiglia, pure il pensiero che ti venga iniettato un boh-vaccino ancora da sondare sulla massa e con i precedenti delle case farmaceutiche, non è che sia così confortante.
      Bona macedonia e gelato *_* buon gustaioooo!! :*

      Elimina
  9. Un periodo particolare che sarà ricordato nella storia!
    Cari saluti,silvia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Speriamo che venga ricordato presto. Così significa che è passato ^_^
      Un abbraccio, Silvia <3

      Elimina
  10. Un post divertente e anche un po’ tragico, una vera macedonia, ops una vera Babilonia, ma... così è e allora tiriamo fuori il meglio e andiamo avanti, altrimenti! Buon inizio di settimana.
    sinforosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Brava Sinforosa: Positivi! Sempre *_*
      Un abbraccio a te <3

      Elimina
  11. Tu non sei confusa: hai bisogno della confusione. Può sembrare un paradosso, ma io ho questa percezione. Gli animi irrequieti, dalla vivacità intellettuale e dalla grande sensibilità, non possono prescindere da questo stato d'animo e dal vivere con un po' di confusione, perché altrimenti la parte razionale prenderebbe troppo facilmente il sopravvento, magari soffocando quella vivacità e sensibilità che ti caratterizzano!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Riki ti autorizzo a parlare con i miei familiari 😂😂😂che osano etichettarmi come semplice casinista 😅
      🥰 Grazie, per le belle parole che sempre mi riservi.

      Elimina
  12. Io sto confusa e stordita, incapace di progettare alcunché. Pensa che non riesco né a leggere né a ricamare... E gli operai pasticcioni in casa non aiutano

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pure gli operaiiiiii???!!! 😱😱
      Non ti invidio, Dolcezze... Dai, passerà! Deve!
      Ti abbraccio tanto tantissimo ❤️

      Elimina
  13. Bentornata Irene e speriamo che la ruota giri per il verso gusto per tutti...la macedonia mi piace di più con il gelato 😘

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Macedonia e gelato sono le giuste nozze 😊
      Ben ritrovato, Max! E incrociamo le dita

      Elimina
  14. Speriamo che la Cassa Integrazione di aprile arrivi presto.
    Ciao Valeria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E speriamo che l’inps ti senta, Valeria 😊
      Un abbraccio! 😘

      Elimina
  15. a me non piace la Macedonia😉😉😉mi sento più come un frullato!😜😜😜😜😘😘

    RispondiElimina
  16. Bentornata Irene , sentivamo la tua mancanza e io ti pensavo sempre in
    vacanza , lontanissima dal Covid felice e contenta con la tua Macedonia .
    Il tuo post di oggi mi ha fatto sorridere . C'è dentro di tutto e di più
    proprio come la macedonia . Per me senza ananas please, ma con tanto gelato.
    Un forte abbraccio . Laura
    PS. Il virus passerà prima della spagnola che è durata 3 anni . Parola .

    RispondiElimina
  17. Pian piano, un po' per volta, si sta riprendendo. Cambiano però le modalità, me ne sono accorto l'altro giorno a lezione, mentre facevo formazione sul rischio biologico. Anni a parlare ampiamente di batteri e uno spazio minore dedicato ai virus, chè andava bene così, e adesso sono da trattare con lo stesso grado di approfondimento, dato che al momento sono i virus che interessano di più. E la formazione rivista alla luce della situazione vissuta/che stiamo vivendo.
    Comunque, per quanto riguarda pagamenti, sei in buona compagnia. Io sono 15 mesi che sto aspettando che un ente di formazione mi paghi le lezione svolte.

    RispondiElimina
  18. Ti abbraccio e ti offro una fetta di Tenerina... per me questa torta è un rimedio contro tutto.
    Ciao cara.

    RispondiElimina
  19. Ciao Irene...un pensiero e un saluto.

    RispondiElimina