domenica 10 maggio 2020

Ti regalerei la pace

Le Lettere della Domenica#7



Ti regalerei, 
la pace...

DOMENICA, 10 maggio 2020
ore 17:00


C’è un tempo per ricordare, 



in pace. Un tempo per placarsi. 

La pace appartiene a tutti ma in pochi la scorgono. 

Ogni gesto mi riporta a quel traghetto. Mare e vento. E gente che straripa su ogni ponte. 

Se ci fossimo abbracciate quel giorno, orfane in un fossato. 

Invece, nelle fughe si sta zitte. Ci si immobilizza. Per non rischiare che un gesto, un respiro, si trasformi nella voragine del nulla. 

Mare e vento. E un fiume di persone sulla passerella di sbarco. 

Un pesce che passava come un ladro s’è preso in prestito la tua risata ed è scappato. 

Ma prima si è inchinato. 

Ci vuole fegato a mettere insieme quattro stracci e a tornare da dove si è venuti. Ci vuole coraggio a non cadere, a non buttarsi dal parapetto della nave. 

Un passo dopo l’altro, le spalle curve, il fiato spezzato. 

Il tuo sorriso era perso, però. Il mare ne ha fatto un boccone. Il mare inghiotte tutto: le risa, i baci e le lacrime di coloro che lo attraversano. 

Lascia solo il coltello nel fianco, quel dolore sordo che ci vuole forza a strappare via. 

Avrei dovuto chiederti di ridere di più, avrei dovuto pretenderlo, importelo. Dirti che chi non ti merita non ha diritto di esserci nel lutto di una vita andata. 

Avrei dovuto chiederti di ridere come quella volta al mercato in cui compravamo stoffe giallo canarino e tu ridevi a perdifiato, di nulla, di una battuta stupida. 

Se potessi, ti riporterei a quel giorno e alle tue risa. Se potessi, cancellerei il logorio dei mali. Se potessi, ti farei vedere il mondo coi miei occhi. Che i miei occhi guardarono la stessa fuga ma non vennero divorati dalla colpa. 

Se potessi ti scriverei un componimento d’amore, di quelli che non ti hanno dedicato e che avresti tanto voluto. 

Se potessi, ti regalerei la pace, 

Mamma.

Io che della Pace 
porto il nome

25 commenti:

  1. Leggere queste righe mi ha emozionato... e volevo che lo sapessi.
    Buona domenica.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie ^_^ emozione forte anche per me, a scriverle.
      Buona domenica

      Elimina
  2. Cara Irene, dunque tutti in coro!!! Auguri alle mamme.
    Ciao e buona settimana con un forte abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

    RispondiElimina
  3. Ma che meraviglia questa lettera a tua madre.
    Anche stavolta mi fai tornare alla mente quella canzone di Renato Zero che tanto adoro... "Nei giardini che nessuno sa".
    Ma, e non ho timore di ripetermi, le tue parole sono ancora più intense, a maggior ragione per me che ne conosco il senso ed il contesto.
    So che le regaleresti la pace, ma forse l'inquietudine è ormai il suo modo di essere e in pace si annoierebbe.
    Oltre alle risa, mi viene in mente l'orgoglio ogni volta che sfoglia quel giornale e tu ci sei.
    Ecco, le regali molto di più della pace.
    Ti abbraccio forte. ❤

    RispondiElimina
  4. Davvero molto bella..di piu.
    Complimenti Irene,,complimenti
    Maurizio

    RispondiElimina
  5. SOLO AMORE.
    Bellissime parole.

    Moz-

    RispondiElimina
  6. Meraviglioso, Irene. Grazie di aver condiviso con tutti noi questa bellezza

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te Dolcezze, che ogni tanto passi a salutarmi :*

      Elimina
  7. Noi siamo padroni del nostro destino, ma purtroppo il nostro destino è influenzato anche dalle azioni delle persone che ci circondano.
    Quindi il destino ha purtroppo decidere di togliere il sorriso a mamma :/.
    Però sono sicuro che prima o poi rivedrai - almeno una volta - il riso sul suo volto.
    E poi su quel traghetto c'eri tu.
    Mamma non era da sola.
    C'eri tu, con la tua forza, a sostenerla.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le uniche due persone al mondo che riescono a far sorridere mia madre sono i mie figli ;)
      Ti abbraccio Riccardo

      Elimina
  8. E' così bella questa lettera che fa piangere.
    E piangere, di questi tempi, è liberatorio.
    Grazie e un abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bè, diciamo che di sti tempi abbiamo già "pianto" abbastanza. Al prossimo post solo cose divertenti :p
      Un bacio, Sara :*

      Elimina
  9. Bellissime parole scritte col cuore e celate nell'anima. Si sente il peso di tutto quel dolore ... ti abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E un tuo abbraccio è come un forziere di antidoti contro ogni nostalgia ^_^ ti voglio bene

      Elimina
  10. Solo un cuore grande e dolce come il tuo poteva trovare parole così tenere e forti.
    SEi unica! Bacio, bimnba!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Patti, detto da te mi commuove, sei una delle donne con il cuore più grande che conosca e senza conoscerti <3

      Elimina
    2. Così mi fai arrossire!!! :)
      Bacio!

      Elimina
  11. Belle parole, scritte sicuramente con il cuore. Fa scendere qualche lacrima.
    Però capisco molto bene.
    Un abbraccio,
    Laretta

    RispondiElimina
  12. Lo hai fatto: hai regalato a tua madre il più bel componimento d’amore che potesse riuscirti. ❤️

    RispondiElimina