mercoledì 29 gennaio 2020

Il primo bacio sulla luna

C’era una canzone. La cantava Cesare. Non so perché mi è tornata in mente. Ad ogni modo, mi piaceva. Il primo. Il primo bacio. Sulla luna. Un esperimento. Un titolo ovattato di sogno per cantare di uomini che prima di partire anziché lacrime versano denaro per comprarsi souvenir. E poi, di quegli altri, quelli che fanno milioni di chilometri e si sentono un po’ così, perché la terra dalla luna è così bella da sembrare un souvenir. 

Ma poi, la nostalgia cos'è? 

Ci sono istanti in cui tutto tace. Tace il cuore, la testa, la folla intorno. Tacciono le strade, lo sferragliare del treno, il deserto dei campi. Tacciono le intenzioni. No, quelle no. Le intenzioni stanno in agguato. Scovano canzoni e nostalgie. Si acquattano in quel centimetro di pelle tra l’orecchio e l’attaccatura dei capelli, dove il respiro di chi ci cammina accanto arriva prima. 

Stasera ho nostalgia di Te

Di Te, che mi portavi per mano lunghi i viali alberati della mia infanzia, la mano nella tua mano di cartapesta accartocciata dagli anni e una certezza vana che ci saresti stato. 

Di Te, che provavi ad insegnarmi a lavorare ai ferri ma poi te ne fregavi e preferivi andassimo a caccia di lumache a ridere beate dietro le bave mentre adesso un filo di bava a picco sul tuo viso spento è quello che rimane. 

Di Te, che mi scarrozzavi in macchina con i Righeira a palla e l’amore per la tua fidanzata diventava la missione di una vita fino alla fidanzata successiva. 

Di Te, che mi aspettavi in bici sotto casa e sfidavamo la tua asma e i bulli d’epoca perché solo tu possedevi i walkie talkie ed eravamo fighi. 

Di Te, che volevi un gatto a tutti costi ma avevi paura e alla fine il gatto te l’ho tenuto io ed anche tutte le risate che non abbiamo fatto in tempo a consumare - sceme. 

Di Te, che mi dicevi vai, vai, insegui il sogno, non buttare via la penna, tieni stretto tutto ciò che ti ho insegnato, usa il talento, anche per quello ci vuole sacrificio. 

Di Te, che mi hai amata in un deserto, sabbia in bocca e infinito tra i capelli ma di infinito è rimasto solo quello. 

Di Te, che mi hai regalato il mare, e c’era il vento, l’alba e il freddo autunnali, e noi che lasciavamo tracce sulla sabbia molle, come promesse sulla pelle dell’eternità. 

Nel cuore mio c'è l'anima, intorno a me che cosa c'è? 

Chiudi gli occhi e baciami, baciami 

baciami, baciami 

Baciami così...

Stasera ho nostalgia di nostalgie. Ho nostalgia di Te.

25 commenti:

  1. Ha fatto bene ad invitarti a non buttar via il sogno e a scrivere...promesse d'eternita'.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Era il mio insegnante di lettere alle superiori, anziano già da allora... Non c'è più. Ho avuto molta stima di lui, anche se non ho messo sempre in pratica i suoi consigli.

      Elimina
  2. Il tempo che passa crea malesseri e rifugiarsi nella nostalgia del passato è un'autodifesa. Si alternano dolcezze e ricordi di persone che non ci sono più.
    In fondo brandelli di memoria ricostruiscono la nostra vita e pensiamo che una volta era più bella.
    Anche lavare le lenzuola con l'acqua di un ruscello appare un incanto quando si arriva al confronto con lo sferragliare di una lavatrice.
    Poi passa tutto e si ritorna alla vita reale, quella che effettivamente viviamo. Il nostro viso deve essere sempre una finestra spalancata, un sorriso che rassicura i nostri affetti.


    Ho sceso, dandoti il braccio, almeno un milione di scale
    e ora che non ci sei è il vuoto ad ogni gradino.
    Anche così è stato breve il nostro lungo viaggio.
    Il mio dura tuttora, nè più mi occorrono
    le coincidenze, le prenotazioni,
    le trappole, gli scorni di chi crede
    che la realtà sia quella che si vede.

    Ho sceso milioni di scale dandoti il braccio
    non già perché con quattr'occhi forse si vede di più.
    Con te le ho scese perché sapevo che di noi due
    le sole vere pupille, sebbene tanto offuscate,
    erano le tue.


    Eugenio Montale

    Questa poesia, ne sono certo, Montale l'ha scritta anche per me. Mi consola nei momenti la memoria pur essendo presenza non mi basta più.
    Come vedi, Irene, la nostalgia è contagiosa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gus, ti ringrazio di cuore per la poesia. La conserverò e la rileggerò ogni volta che la nostalgia prenderà il sopravvento. Grazie

      Elimina
  3. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  4. La nostalgia cos'è?
    Probabilmente un terribile inganno della mente..ma un così dolce e incantevole inganno. Si forma proprio in quei momenti in cui, seppur per poco, "tutto tace"...si insidia sulla nostra pelle, avvolge la nostra mente quando ci allontaniamo, per poco, dai nostri impegni e affanni quotidiani. Oppure di notte, quando ci fermiamo, prima di dormire.
    Mi hanno insegnato, recentemente, l'odio verso ogni forma di nostalgia o nostalgismi, munizioni con le quali armiamo i nostri fucili, "contro ogni sorta di naufragi e di altre rivoluzioni". Chiusi nel nostro "orticello", ancorati al presente, con poca fiducia nel futuro. Munizioni che ci difendono dalle difficoltà, perché la nostalgia è tristezza, ma dolce tristezza, perché si impossessa di noi e ci restituisce, in piccola parte, quei momenti di felicità che hanno riempito le nostre vite, che hanno dato un senso alle nostre vite. Una dolce tristezza che prende il posto della tristezza che proviamo, perché in questo presente ci sono cose che ci tolgono il sorriso, ci danno affanno, o semplicemente perché vediamo all'orizzonte solo nubi, e non basta ricordarci chi ci sprona a conquistarlo, il nostro futuro. Non tutti siamo combattenti, nell'animo.
    E poi c'è l'amore...
    L'amore giovanile, l'amore adolescenziale...così imperfetto, ma allo stesso tempo così potente! "Io non l'ho mai saputo e non l'ho mai capito", l'amore adolescenziale, ma pensa, provo nostalgia lo stesso, provo nostalgia per quegli amori che non si sono concretizzati...ma il mio amore era vero, forte lo stesso! E ho capito che non è una fuga dalle responsabilità, né una mancanza attuale che si fa sentire, affatto, anche perché allora mi basterebbe andare indietro di pochi anni, ma non è questione di rimpianti e di mancanze, è questione di una grande forza, l'amore, che in quegli anni splende intensamente.
    Ho la presunzione di dire che soffro con te, oggi, ed è magra consolazione sapere che l'amore non finisce, si evolve.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Riccardo, mi hai lasciata a bocca aperta. Questa tua riflessione è meravigliosa. E' un'intensa postilla al mio post. Ed il tuo affetto lo stringo forte, so che è sincero. Grazie <3

      Elimina
  5. Tutti coloro che ci hanno amato sono con noi, in un modo o nell'altro. Noi siamo loro, e loro sono noi. E la nostalgia io la conosco troppo bene ❤️

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La tua saggezza è per me insegnamento, Dolcezze. Grazie, ne faccio tesoro <3 :*

      Elimina
  6. Tesoro mio, quanto capisco la nostalgia che provi.
    Anch'io me ne porto una enorme nel cuore, e non passa mai.
    Sono certa che se potessi donare vent'anni della tua vita a tua nonna, lo faresti.
    Il tuo post mi ha fatto ricordare una canzone che mi fa molto commuovere, sebbene io non abbia avuto la fortuna di veder invecchiare nessuno a cui fossi visceralmente legata.
    Si tratta di "Nei giardini che nessuno sa" di Renato Zero. La conosci?
    Credo proprio di sì.
    Quasi quasi ti dedico una puntata speciale del jukebox, inserendo come testo proprio queste tue meravigliose parole.
    Ti abbraccio fortissimo.
    Stay strong. <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Amica mia, grazie anche a te per tutto l'amore <3 Oh, sì, che conosco quella canzone bellissima! Eh si, potessi donerei un pò di me a tutti gli affetti che mi rimangono e che piano scivolano dalle mani. So che sai meglio di me, purtroppo, cosa si prova <3
      Avvisami per il post! Che tanto io qua causa tempo sempre più tiranno non faccio che latitare :((
      Ti abbraccio forte! <3

      Elimina
  7. Dietro quei Te quante persone e attimi meravigliosi.
    La nostalgia è un qualcosa di doveroso, perché ci riporta a momenti in cui siamo stati bene...

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. già... e ci riporta persone che abbiamo e che ci hanno amato.
      Grazie, Miki <3 :*

      Elimina
  8. Andavo anche io a caccia di lumache, da bambina. E per questo quel passaggio mi ha fatto sorridere :) non ci pensavo da anni.

    La nostalgia è un ricordo che ci avvolge improvviso. E' la sensazione dolorosa di volerlo trattenere, di non poterlo rivivere, di non poter riavere quelle emozioni ancora con noi se non attraverso la malinconia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Conosci bene la sensazione, Sara <3 L'importante è comunque rivolgersi sempre alla vita, che solo la vita è il dono più prezioso che abbiamo.
      Un forte abbraccio <3

      Elimina
  9. E poi mi fai impazzire quando passi dalle cose più buffe e goliardiche alla serietà di pensieri e sentimenti. Vuol dire che hai un mondo dentro che ti rende una persona speciale e una profondità che io, davvero, ammiro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tu sei la mia maestra in questo <3 io ammiro te, nonostante ultimamente non riesca più a fare il mio giro di blog come vorrei :( perdono, Marina, mi manchi :*

      Elimina
  10. Essendo ormai sul "Viale del Tramonto" le mie nostalgie sono tante .
    Sono rimasta l'unica della mia famiglia di origine .
    Nostalgia di un amore che mi voleva portare in Australia .
    Nostalgia della ragazza giramondo che fui .
    Nostalgia di una giovinezza ormai andata...
    Ancora non mi arrendo , non so' cosa mi porterà il domani ma ,
    oggi vivo per la mia famiglia e un grande tesoro che ho .
    La mia amatissima splendida nipotina .
    Leggere i tuoi Post è un piacere e ti ammiro molto .
    Buona Domenica . Abbraccio .
    Laura

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Leggere i tuoi commenti è un piacere immenso, Laura... Non ti nascondo che mi piacerebbe sedere con te davanti ad una tazza di tè e bermi tutti i tuoi racconti di vita: a pelle sento che non mi stancherebbero mai.
      Un abbraccio

      Elimina
    2. Se avessi la tua MAIL te ne manderei uno . Ne ho scritti 10 per
      non dimenticare e per lasciarli alla mia nipotina come testimonianza
      della mia vita passata .
      Grazie per questa dimostrazione di stima e affetto .
      Ricambio l'abbraccio . Laura

      Elimina
    3. Ciao Laura cara, scusa il ritardo nel risponderti!... Il mio ind email è indicato nel mio profilo ma sono in procinto di modificarlo, quindi se vuoi contattarmi ricorri al modulo di contatto a destra, ti rispondo da li e ti do tutte le indicazioni per scrivermi ^_^ Un abbraccio!! :*

      Elimina
  11. ..piu la leggo e piu mi piace, forse per quel senso di delicata ironia che avvolge la mente e la follia, non lo so..bacian, baciami cosi'..

    Se questo non è volare..
    M.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Volare sulle ali della nostalgia ^_^
      Grazie, Maurizio

      Elimina
  12. Un bacio sulla luna mi manca...chissa se sarà possibile aver questa fortuna.
    Un abbraccio forte
    Maurizio

    RispondiElimina
  13. Se c'è un tempo per sognare.. è questo.
    Maurizio

    RispondiElimina