mercoledì 7 agosto 2019

Siamo arrivati all'alba


Questa volta siamo partiti quando Roma era già ammantata di notte e la serata estiva si era da poco riversata per le strade.

La gente andava al centro commerciale. C’era un evento. Si può mai perdere un evento estivo serale al centro commerciale?

Mi ha preso una strana smania di fuggire via, di farlo il più presto possibile. Prima che si verificasse un impedimento qualsiasi in grado di bloccarci: una gomma forata, un guasto al motore, un’improvvisa febbre dei bambini.

Andiamo via, finché siamo in tempo. Lasciamoci alle spalle le luci del multisala e dei negozi che sparano nella semioscurità come il ricaricatore a corrente del raid antizanzare. 

Chissà perché i viaggi al buio passano prima. La notte è sempre più breve. L’oscurità smussa il dilatarsi del tempo.

L’autostrada è diventata un nastro molle, come quello dei cartoni animati, da percorrere sulle ali svelte del desiderio di arrivare.

Prima dell’alba stavamo a Villa San Giovanni. Le fauci benevole della nave ad accoglierci come un Pinocchio e un Babbo mancati troppo a lungo.

Vieni Spisidda, vieni che mamma ti fa vedere il mare ancora addormentato e le luci vive del porto. Non è ancora l’alba, ma ci avvolgono i corpi voluttuosi e tiepidi di queste due terre amanti che si lambiscono ed amoreggiano attraverso il mare. Siamo come feti nel liquido amniotico contenuto nella grande pancia della vita. 

Ce la siamo meritata questa attesa, questa gravidanza che ci fa rinascere sull'altra Costa. 

Siamo in Sicilia che il sole è appena spuntato. 

È l’Alba. Un’alba che attendeva solo noi, coi pescatori che salutano e i bar socchiusi che lasciano andare l’odore tenero di briosce appena sfornate e di sale chsi appoggia ai davanzali.

Villa San Giovanni - 3 agosto 2019

20 commenti:

  1. Tra i miei infiniti viaggi manca la Sicilia, sai?
    Eppure so che mi piacerebbe un sacco, ma non ho mai avuto occasione di andarci.
    Pensa che uno zio di mio marito ha una casa completamente arredata che potrebbe prestarci per alloggiare, ma ci manca il tempo e forse di più ancora la volontà.
    Quand'è che sono diventata così vecchia da non provare più entusiasmo per le avventure? Chissà.
    Intanto, tu goditi questa meritatissima vacanza e pensami un pochino.
    Bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh no! Se hai anche l'appoggio logistico DEVI venire in Sicilia ^_^ Quando ha le prossime ferie Leo? Fai le valigie, muoviti... Ti aspetto! Vieni a prendere la cartolina dalle mie mani *_*
      Non è questione di vecchiaia: è solo seguire la propria natura, le cose che ci fanno stare bene. Fosse per me trascorrerei le prossime due settimane buttata in un angolo con vista mare a leggere e basta. Se parli con la mia famiglia o miei amici "sto depressa e mi sono invecchiata"... Ti pare? Io conosco la mia pienezza di vita, so cosa mi rende felice e rispetto senza giudicare ciò che rende felici gli altri :*

      Elimina
  2. il richiamo della sicilia, che le luci delimitano come un miraggio che si avvicina a passo di danza. eh. l'aria fresca di caronte che chiama forte come se, a bordo, tutti avessero le orecchie di ulisse

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il richiamo della Sicilia è un richiamo forte. Sono pochi quelli che ne rimangono immuni. Passa a prendere Claudia, ci troviamo tutti qui ^_^

      Elimina
  3. Quale viaggio state facendo, Madame? L'Isola per eccellenza che supera ogni eccellenza: non un popolo, non una cultura ma un crocevia di cromosomi e stili architettonici, di letterature e arti. Ah, se Atlantide potesse riemergere, impallidirebbe!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un viaggio di ritorno (a casa), Messere ^_^ . Il crocevia di cromosomi mi ha sempre affascinato... Mi affascina quello di tutti noi. Siamo il prodotto di chi ci ha preceduto.
      Ah, benvenuto!

      Elimina
  4. Cara Irene, leggerti mi è venuto il ricordo delle tre volte che siamo venuti in Sicilia, non lo dimenticheremo mai, prima Capo D'orlando, Cefalù, Taormina e altri luoghi visitati.Ciao e buon pomeriggio con un forte abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tomaso, luoghi stupendi e indimenticabili!
      Ti abbraccio immensamente <3

      Elimina
  5. Quannto ami la tua terra!!!!
    Una poesia questo post!
    Bacio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tanto, Pat!
      Qui, rinasco ^_^
      Un bacio immensamente grande <3

      Elimina
  6. Sì, questo post è lirico e questo fa pensare che questa sarà una vacanza goduta pienamente.
    Buon ristoro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'intento è la pienezza, Sari ^_^... Grazie per queste tue parole.
      Un abbraccio :*

      Elimina
  7. Hai espresso benissimo la poesia del ritorno ad Itaca. Per me arrivare a Scilla e vedere la costa siciliana è sempre un'emozione fortissima. (Riusciremo a vederci?)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dolcezze *_*... ci sentiamo per altre vie così ti aggiorno. Incrociamo le dita :*

      Elimina
  8. Che meraviglia...quasi mi è sembrato di condividere questo viaggio notturno con voi. Scrivi così bene che mi affascini ogni volta.
    Buone vacanze.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sara, ce lo siamo dette, siamo scritturialmente affini *_*
      Un abbraccio

      Elimina
  9. Queste parole suonano come un richiamo irresistibile per la tua amatissima Sicilia

    RispondiElimina
  10. Sono stata in Sicilia due volte . Una prozia ha sposato un Siciliano e
    si è stabilita là . Palermo l'abitazione , Villa Grazia Carini , la
    villetta in mezzo al verde e poi visitato i dintorni . Bellissimi posti.
    E' sempre bello ritornare nella terra natia , vero ? Ci si emoziona .
    Buone vacanze . Abbraccio . Laura

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le mie terre di "nascita" sono due, Laura: Sicilia e Calabria, ugualmente legata.
      Palermo, un incanto! La Sicilia è come una donna fascinosa e carica di mistero.
      Ti abbraccio cara <3

      Elimina