martedì 30 aprile 2019

Tocca prenderla con... filosofia [5] - Cambiamo il destino: Osiamo


Sono stata lontana da questi lidi per due settimane.

Ho tagliato i traguardi astratti del tempo che passa soffiando su candeline incastrate nella panna montata.

Sono partita e sono tornata.

Spartiacque temporali che scandiscono la vita.

Sono utili. Bisogna sempre crearsi dei piccoli riavvii. 

Così, ci si riformula. Si muta benevolmente, perché una grande verità è che possiamo essere meglio di ciò che siamo, di quel che siamo stati.

Oggi, pertanto, mi sento molto ispirata. Sopratutto, strabordo di buoni propositi.


Che ci azzecca tutto questo con la puntata mensile di me che vi parlo in maniera cazzeggiosa di filosofi e di accenni di filosofia?

Ecco, con una casualità da congiunzione astrale ed in tema con lo spirito attuale, negli ultimi dieci giorni mi è capitato di imbattermi in tre differenti spunti che mi è sembrato d'obbligo condividere.

1 - Leopardi 

Il primo a fare capolino, sbucando fuori da un vecchio libro di Romano Battaglia,  è stato Leopardi
Su Giacomo se ne sono dette tante. Che era pessimista, che portava sfiga, che Silvia non lo calcolava, che è morto vergine, che non fosse un filosofo. Di tutte le dicerie, l'ultima è certamente quella con cui sono meno d'accordo. Nonostante numerosi studiosi del filone laicista italiano, da De Sanctis a Croce passando per Gentile, dibattendo sulle sue opere, abbiano negato il rigore e l'oggettività che rendono uno studio filosofico tale, io lo Zibaldone un pò me lo sono letto, e, citando paro paro Giovanni Ipavec, sono tanti e tali i pensieri sull’anima, la metafisica, la religione, la società, la natura, la morale, che l’opera [del poeta], ancorché disorganica e non sistematica, ben potrebbe configurarsi come trattato filosofico.

Ad ogni modo, la pillola di pensiero che tiriamo fuori oggi è la seguente:


E vi pare niente? 

2- Lo sconosciuto Ben Herbster

In concomitanza a Leopardi, giusto un paio di giorni dopo, mi cade l'occhio su un pensiero alquanto filosofico che sosta su una pagina internet aperta per caso mentre faccio una ricerca d'altro genere:

 “Il più grande spreco nel mondo è la differenza tra ciò che siamo e ciò che potremmo diventare.”

Ben Herbster


Ora, chi sia Ben Herbster non ve lo so specificare. Ho fatto un'indagine senza ricavarne nulla. Se qualcuno possiede qualche nozione su Ben si faccia avanti.

Nel frattempo, sottolineare il più grande spreco nel mondo, vi pare niente?


3- Il bar Megna e Seneca

Il giorno prima di ripartire dal paesello di nonna, in Calabria, faccio, infine, un salto a salutare qualche amico. Ci godiamo l'ultimo aperitivo nel bar Megna, uno dei bar che stazionano di fronte alla Villa Comunale - [della Villa ne parlai qui].
Qualcuno, proprio quella mattina, ha scritto sulla lavagna del locale una frase nuova, differente da quelle che avevo sbirciato nelle capatine precedenti.


Ci penso e ci ripenso. Mi torna in mente che qualcun altro ha detto qualcosa di simile. Qualcuno che conta, uno dei boss della filosofia. Rinfresco le tracce che mi riconducono a Lui, a Seneca. Ripesco l'aforisma:

 

“Non è perché le cose sono difficili 

che non osiamo farle; 

è perché non osiamo farle 

che le cose sono difficili.” 

Seneca



E allora, tre su tre, mi dico che è il momento. Bisogna cogliere i segnali, andarci di petto, tentare di mettere la filosofia al nostro servizio.

Che poi, di approfonditamente filosofico questo post ha veramente poco, ma i trattati e gli studi seri li lascio fare a chi di competenza. Io mi limito a condividere con Voi spunti, speranze, ottimismo: un pò di sana filosofia spiccia, detta in altro modo.

Pertanto, non mi  rimane che ribadirvelo, sopratutto perché menti geniali lo hanno proclamato e già da tempo:

Fino all'ultimo istante della nostra vita possiamo cambiare il nostro destino. Non sprechiamoci in qualcosa di meno di quello che potremmo essere. Osiamo. Osare è probabilmente il carburante che spinge in avanti la vita, l'unico gancio per mutare in corsa il destino e non sprecare neanche un minuto della nostra esistenza. 

Che ve ne pare?


45 commenti:

  1. Senza dubbio c’è tempo fino all’ultimo respiro, speriamo di arrivare a quell’ultimo respiro con la mente presente. Belle riflessioni.
    sinforosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E speriamo, Sinforosa. Anche se, nel caso in cui non dovesse accadere, se non altro non ce ne accorgeremmo neppure... Un pò mi rincuora...

      Un abbraccio

      Elimina
  2. Cara Irene, vedo che non ti arrendi mai, sicuro che la tue mente è chiara, posso dire che se continuerai, andrai sempre avanti, come si dice! Fino l'ultima respiro.
    Ciao e buona serata con un forte abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tomaso, io mi auguro di arrivare alla tua età esattamente come te <3 Sei straordinario! Un forte abbraccio :*

      Elimina
  3. Bentornata! D'altro canto raggiunti gli anta hai bisogno dei tuoi tempi :D, slow slow slow bloggin' :D.
    Veniamo ai pensieri filosofici che metti in evidenza (ah, temevo che mi associassi al Leopardi :D).
    La possibilità di cambiare il nostro destino c'è, in effetti; ma attenzione a cercare quello che potremmo essere e che invece magari non é; allo stesso modo rinunciare è spesso..osare. Cioè fare qualcosa andando controcorrente.
    Una dignitosa ritirata, che ovviamente è ponderata, invece di una pesante batosta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahahahah... la vecchiaia avanza, mio caro: si è più lenti per godere meglio delle cose ^_^

      mmmmhhhh... ma se non "cerchi" fino in fondo, come fai a sapere con certezza se valeva la pena di cercare oppure no? Da questa angolazione mi sa che abbiamo visioni completamente differenti :P

      Elimina
  4. ah, tema squisito e molto interessante. potrei scrivere un commento lungo 3 litri, cosa che ti risparmio.

    archiviamola con un "ti stupirai di ciò che puoi fare della tua vita quando ti accorgi che i limiti sono tutti nella tua testa". che banalizza il concetto quel che basta per renderlo liscio, quasi ridicolo e assolutamente inflazionato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le cose banali sono sempre le più vere. Perché poi, cos'è la banalità? La riconosciuta assenza di originalità o l'originalità non riconosciuta come tale...

      Elimina
  5. Sono bei pensieri, gran bei moniti di vita che ciascuno di noi dovrebbe sempre tenere a mente. Certo non è sempre facile, e forse non si può neanche riuscire a portare la bandiera di chi osa per una vita intera, tuttavia sarebbe comunque bello ricordarsene ogni tanto e...provare, semplicemente provare. Buttarsi un po' di più, cercare di essere se non proprio la versione migliore di noi stessi, almeno qualcosa di simile.
    Baci.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti credo che i periodi in cui si è pronti ad osare siano circoscritti a determinati momenti, a specifici stati d'animo... Forse farlo per una vita intera sarebbe anche faticoso eheheheh... Tocca anche godere a tappe il piacere di ciò che si è raggiunto.
      Un abbraccio!

      Elimina
  6. Ho smesso di osare qualche anno fa..
    Prima, cambiavo lavoro ogni anno, amici, guardaroba. Persino parenti.
    Poi é arrivato Lorenzo e ho capito che il mio posto deve essere qui, perché ovunque io vada posso essere felice soltanto accanto a lui.
    Magari prima o poi ricomincerò a cambiare vita come le scarpe e le borse, e gli insegnerò a fare altrettanto.
    Tu, invece, cambia tutto quello che vuoi e puoi, ma cerca d'essere felice. Perché lo meriti. Ed io lo sarò per te. E con te.
    Buonanotte my darling. 😘

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Voglio approfondimenti sul cambiare i parenti :DDDD... farei un paio di modifiche anche io ehehehehe
      Un mio amico ha sempre detto che il desiderio di cambiamento è ciclico, secondo lui si ripresenta ogni 10 anni: che sia vero? 0-0
      E comunque, tu hai colto nel segno *_*... quando arrivano i figli tutto ciò che in linea di massima ci muove è trascorrere più tempo possibile con loro... è quello che desidero anche io <3

      GRAZIE mia adorata <3 grazie di Cuore :*****

      Elimina
  7. Che fino quasi all'ultimo si possa cambiare la nostra vita è tecnicamente vero ma poi si devono fare i conti con il tempo che avanza e con le forze anche psicologiche che sino sempre più provate dalle scorie della vita.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E questo è pure vero. Forse, se lo si desidera veramente, il cambiamento toccherebbe effettuarlo un attimino prima di arrivare alla fine eheheheh

      Elimina
  8. Che bellissimo spunto ti rispondo così
    Poichè tutto è un riflesso della nostra mente ... tutto può essere cambiato dalla nostra mente ... Budda
    Il futuro appartiene a chi crede nella bellezza dei propri sogni ...E.Roosevelt
    Il segreto della felicità è la libertà, il segreto della libertà è il coraggio (T.)
    Bentornata ... che poi mai sei partita .... bacioni

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mai ci lasciamo, io e te <3 Ovunque io vada, tu ci sei sempre, Giusi mia speciale ed unica.
      Faccio mie queste tue perle! Le metto di fila ai tre spunti precedenti *_*... poi, tu, ogni tanto rinfresca... se noti che dimentico... :DDD

      Elimina
  9. Un post simpatico e giusto.
    Bisogna osare, hai ragione, ma sempre usando il nostro buonsenso.
    Spesso si fanno errori che potrebbero essere controproducenti.
    Bello rileggerti Irene. Buona giornata, ciao.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Pia, Grazie!

      Il buonsenso sempre e prima di tutto, in tutte le cose della vita. E' anche vero che gli errori fanno parte della vita stessa...
      Una buona giornata ^_^

      Elimina
  10. Bentornata !!! Nella mia gioventù ho tanto osato . Cambiavo Paese , città,
    lavoro , Lingua , amicizie ecc...Adesso basta , ho già dato. Largo ai giovani
    che devono osare , osando si impara moltissimo , si cresce , si fanno
    esperienze , nuove occasioni ecc....
    Bel post e buon 1 Maggio . Laura

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Laura, secondo me tu hai vissuto tanto e bene. Lo si capisce da come ti poni, dalla tua sensibilità, dagli input che lasci...
      Sei proprio bella *_* son sempre felice di leggerti :*

      Elimina
    2. Sì , Mamma mi ha lasciata andare e io ho scelto la vita che volevo .
      Ne è valsa la pena , ho imparato a vivere....
      Grazie x il complimento , spero di meritarmelo .
      Buona giornata . Qui in Liguria è bigio bigio . Pioverà ? Laura

      Elimina
  11. Vero, mi ritrovo con tutte e tre le filosofie e con la tua chiusura.
    Cambiare, osare, non sprecare noi stessi.

    Buon maggio di cambiamenti positivi, non sprecati, sempre osati^^

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bisogna pur provarci... ^_*
      Ti abbraccio Miki! :*

      Elimina
    2. Vai a lavorare giullare

      Elimina
    3. Perché? Hai bisogno di chi ti paga gli alimenti? XD

      Moz-

      Elimina
    4. Carissimo Anonimo, e già che sei anonimo mi dai fastidio, non in quanto tale ma perché è evidente tu non ti sia firmato/a solo al fine di lasciare un commento allusivamente offensivo nei confronti di un mio lettore.
      Veniamo a chiarirci: questo mio spazio è di tutti, tutti possono dire la loro, sono liberi di andare e venire, ma sempre nei limiti dell'educazione e del rispetto nei confronti delle persone.
      Questa è pure casa mia, e a casa mia comando io. Mi riservo pertanto il sacrosanto diritto di eliminare qualsiasi altro commento sul genere di quello qui sopra, che sia anonimo o meno. Trovo questi atteggiamenti assolutamente di cattivo gusto e non in linea con il mio modo di vivere e di vedere le cose.
      Buone cose e, soprattutto, Addio.

      Irene

      Elimina
    5. Miki, pensa pure alla sottoscritta XDDD...
      Un abbraccio :*

      Elimina
    6. Ahaha, dai, qualcosa pure per te la racimoliamo XD

      Moz-

      Elimina
  12. I tuoi, e quelli dei filosofi, paiono pensieri semplici e logici ma... quanto lavoro occorre fare su noi stessi per introiettarli e tramutarli in stili di vita.
    Che bel ritorno il tuo, utile per te e chi ti legge. Grazie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tanto lavoro, tanta fatica, Sari ^_^ e non è sempre detto di riuscire nell'intento...
      Grazie e un forte abbraccio! :*

      Elimina
  13. Hai fatto una sintesi (stavo per scrivere una crasi, chissà perché, ci devo riflettere) molto interessante, molto femminile -oddio perché non sono nato donna?, che affascina- Dal momento che si può cambiare anche quando restano due bocconi di vita, allora osiamo e non lasciamo niente di intentato (no, GNENTE de intentato, fa tanto antico cives romanus, vedi quanto ci guadagna?)
    'nzomma provice, tanto doppo schiatti e chi se ne frega.
    In fondo la vita deve essere tutta un tentativo perché sia bella e ben spesa.
    Famoli contenti sti villici, famoli gôde, famoli magnà così ronfeno e nun ce li scasseno.
    Ciao Irè. ENZO

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Forse perché più che una sintesi ho tentato malamente una sorta di fusione (tutta mia) eheheheheheh
      Da donna non avresti reso così bene, Vincenzo ^_^... le donne hanno sempre quella manciata di ormoni che le disequilibra e a tratti le stacca dalla realtà...
      Buon giovedì! :*

      Elimina
  14. Chissà perché ho pensato che a volte, invece, osare sempre o quasi a testa bassa, diventa controproducente. Deve esistere una ragionevole via di mezzo, che si prenda qualche libertà, ma che sappia comprendere dove il passo diventa più lungo della gamba. Sarà che ne ho fatti tanti di casini nella mia vita..e probabilmente, a poter tornare indietro, qualche revisione la considererei decisamente ... ma è il dna a guidarci, e anche ricominciando da capo, faremo i medesimi errori, se non anche di più.. ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Magari faremmo errori differenti ;)... forse il vero segreto è far l'amore e la pace con i nostri sbagli... che poi, non esiste un'assoluta verità, solo un teorico e soggettivo giudizio sui risultati ottenuti dai casini creati :DDD
      E poi, sì, anche l'osare richiede giudizio ^_^

      Elimina
  15. Che ve ne pare?
    Hai sommato tre pensieri che potevano ben stare insieme e ne è venuta fuori una massima perfetta.
    Solo che le parole sono sempre belle, gli ideali sempre alti, anche la volontà pronta a seguire chi ti suggerisce una strada vincente, poi, però, nei fatti, ci sono considerazioni a frenarti, a interrompere i tuoi sogni nel bel mezzo, a bloccare entusiasmo e slanci.
    Io con le grandi massime ci vado piano. Osare va bene, ma quando riesci a vedere delle certezze, se no è un lanciarsi nel vuoto e questo lo puoi fare fino a una data età, quando le responsabilità sono mitigate da una certa dose di incoscienza (qualche volta produttiva, certo). Cambiare il destino fino all'ultimo momento della tua vita? Chissà, vuol dire che sei stato insoddisfatto per tutto quel tempo, tanto da rimettere in gioco ogni cosa proprio quando ogni cosa è alla fine? Io mi augurerei di avere costruito qualcosa di buono, nell'arco della mia esistenza e di non rimpiangere destini diversi, al punto da desiderarne uno nuovo.
    E comunque, al netto delle mie elucubrazioni, Leopardi è stato un grande: io l'ho amato molto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Marina, tu per me sei un esempio di saggezza infinita *_* e lo sai!...
      Certo, in effetti quel che ci si augura è di giungere al capolinea e sorridere se non altro sereni della vita vissuta. Confidiamo in quello ^_^, nel frattempo, il mio dire era inteso ad un miglioramento che, come sottolinei anche tu, deve andare di pari passo alle responsabilità ed ai ruoli acquisiti nella vita... Specie quando si diventa genitori, ritengo questo sia essenziale e predominante.

      Giacomino mi ha sempre affascinato, chissà se è morto vergine veramente, poerello... eheheheheheh

      Elimina
  16. E mi pare moltissimo, cara Irene! E osare è una cosa che ancora oggi, alla mia non verde età, faccio e mi riempie la vita, le da veramente un senso. Un abbraccio grande :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti "sento" Carla, percepisco ad ogni passaggio la tua meravigliosa energia! Splendida, tu *_*

      Elimina
  17. Osare e Provare SEMPRE, anche se questo musaccio lo abbiamo sbattuto più e più volte... anche se i raccomandati passano sempre prima di noi, anche se bisogna spintonare, anche se si diventa rossi, verdi e blu... anche se è difficile (chi non fa nulla non sbaglia ma difficilmente arriva da qualche parte)... Via Irene, osa e stupiscici!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tu mi emozioni sempre, Elisabetta... come quando ti chiesi di aiutarmi a costruire la facciata del nuovo blog... :DD La tua fiducia in me...è contagiosa :DDD nel senso che per quanto mi riguarda è una vera spinta!
      Grazie, Cara... ci becchiamo poco ma siamo sempre sintonizzate *_*

      Elimina
  18. Dico che hai perfettamente ragione!
    SE non si osa mai non si riuscirà mai.
    Quanto al cambiamento della propriia vita, sì, c'è sempre una possibilità di cambiarla Basta OSARE!
    Bacio!!!!!!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tu sei tra le mie conoscenze Super Sprint, Patti! Un modello di forza *_*... Conosci tutto il mio affetto e tutta la mia stima nei tuoi confronti <3

      Elimina
  19. Eccoti finalmente certamente la tua mancanza su é sentita. Eccome se si è sentita
    Un abbraccio no..due
    Maurizio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Maurizio caro, ricambio gli abbracci, tutte e due :* Sei troppo gentile... ^_^

      Elimina
  20. Eccoti finalmente certamente la tua mancanza su é sentita. Eccome se si è sentita
    Un abbraccio no..due
    Maurizio

    RispondiElimina