lunedì 18 febbraio 2019

Luoghi d'Italia: Passaggio a Zena

Così, ci siamo stati. A Genova. Toccata e fuga. In mezzo anche alcuni impegni lavorativi ed una serie di visite da fare ad alcuni amici del circondario.

Ogni volta che mi trovo a girare per l'Italia, faccio puntualmente il solito pensiero. QUEL pensiero, quello che fanno tutti: E' proprio Bello, questo nostro Bel Paese.

Che poi a Genova ci siamo approdati di venerdì, e per essere ancora una giornata lavorativa, io, il fuggi fuggi generale a lo stress che intasa l'aria e a cui la Capitale ci ha abituato, non l'ho proprio neppure lontanamente intravisto.

Ma non si può catalogare o conoscere una città in poche ore e per lo più quando si è in clima di vacanza. Sacrosanto.

Tuttavia, Genova mi ha lasciato addosso una carezza di piacevole sentore.

Sarà stato il mare, sarà stato l'ordine e la pulizia del quartiere intorno all'Acquario, sarà stata la fortuna - gli amici del circondario così mi han detto, che di fortuna in fondo si è trattato - d'aver incrociato genovesi cordiali ed aperti alla chicchera, fatto sta che a  Zena mi sento di lasciare il bonus amorevole del ritorno con la voglia accresciuta di esplorare, e per tre buone ragioni dettate da tre esperienze niente male:

1 - A GENOVA SI RESPIRA. Si respirano paesaggi meravigliosi contornati da monumenti che cantano storia e tratti di cielo riflesso nel mare che ti precipita negli occhi e ti sedimenta nell'anima. 
E si respira calma. Calma e civiltà: ho notato un grande afflusso di extracomunitari che sedevano e passeggiavano nella piazza davanti al Porto Antico, ma non ho avvertito la stessa tensione e le stesse condizioni di vita disastrata che, posso giurare, vivo in prima persona abitando nella periferia romana e nei pressi di un centro di accoglienza per immigrati.

Che sia stata solo un'impressione? 




2- L'ACQUARIO è un'esperienza strepitosa. Una grande risorsa per l'Italia intera, senza dimenticare che quello di Genova è stato classificato al nono posto degli acquari nel mondo per grandezza e specie animali.

E' stato gradevole ed istruttivo trovare a tratti del personale che con naturalezza e garbo ha spiegato ai bambini dove si trovassero e cosa stessero osservando, ed altrettanto piacevole è stato perdersi una mezz'ora davanti all'immensa vetrata d'acqua dietro la quale danzavano i delfini con un sottofondo di musica classica e svariati artisti che si sono avvicendati esibendosi in mini rappresentazioni in tema con il mare.





3 - Genova è ECONOMICA. Anche in questo caso, da più parti, mi è stato detto che con molta probabilità io abbia goduto di una sana dose di fortuna. Ma tre fortune su tre mi costringono comunque ad azionare un meccanismo di valutazione che mi fa supporre che il capoluogo ligure sia molto ma molto più economico di Roma, di tante altre città del nord e del centro Italia che ho visitato e persino di alcune località del sud.

Posso dimostrarlo.

Bigo Bar al Porto Antico, ci entriamo nel pomeriggio, dopo poche ore dal nostro arrivo. 
Prendiamo (con accomodata al tavolo): 2 pezzi di focaccia farcita, 1 dolce tipico, 1 caffè, 1 bottiglietta d'acqua. Totale: Euro 5,90. Fossimo stati al centro di Roma, avremmo senza dubbio speso due o tre volte tanto. 

Ristorante Molo 21, sempre a pochi passi dall'Acquario, di fronte ad un meraviglioso parchetto attrezzatissimo con giochi e strutture per bambini.
Locale ordinato, pulito, accogliente, con uno staff cortese ed oltre modo efficiente. Ci fanno subito accomodare  e forniscono i pargoli di fogli e colori. Siamo in 4. 
Prendiamo: 1 acqua, 2 birre medie, 1 tagliere antipasto, 3 trofie al pesto, 1 focaccia pizzata, 1 farinata con cipolla, aggiungiamo 1 birra piccola. Totale: Euro 53,50
Non mangiavamo così bene e non pagavamo così poco forse dall'ultima escursione a Sferracavallo, minuscolo centro nei pressi di Palermo.


La mattina successiva,  mi avventuro insieme alla cucciola con l'intenzione di procurarmi un chilo di focaccia come si deve. Tripadvisor mi direziona verso la Crumbit Focacceria, in via Carlo Rolando. Vi giungo che c'è una fila che staziona persino sul marciapiede, fuori dal negozio. 
Mi viene l'ansia da attesa, sono quasi tentata di defilarmi, ma in men che non si dica la clientela è smaltita e tocca a me.
Vorrei un chilo di focaccia mista, dico alla signora in procinto di servirmi. E nel dirlo, mi sento più terrona che mai, perché quando in Sicilia chiediamo un chilo di focaccia, non so perché, nel tono sfoderiamo quella specie di grezzo desiderio di cose saporite e lussuriose per il palato. A Genova vorrei mitigare questo scintillio terronico, ma non mi riesce. Insisto: Senta, ma quali sono i vostri gusti forti, io la voglio buona... La signora del Crumbit mi sorride complice e, nonostante la folla che va e viene, prende a spiegarmi con dovizia di particolari gli ingredienti della focaccia al pesto e salsiccia, di quella impastata col formaggio di Recco, di quella con la cipolla o le olive dentro e fuori, di tutte le varianti dolci all'arancia, alle noci, all'uvetta. Non solo, notando la piccola che frigna perché lei la focaccia la vuole subito e possibilmente senza intrugli dentro, la cara signora si fionda su un vassoio di focaccia normale appena sfornata e gliene elargisce in regalo un pezzo ancora caldo e fumante.  Attenta belin, le raccomanda, che è ancora calda.

 Ma non erano assai taccagni i liguri? 

Insomma, esco dalla focacceria Crumbit con un vassoio stracolmo di vera focaccia genovese; mi sento felice, coccolata, rispettata come persona e come cliente ed ho speso solo 14 Euro.





Lasciamo Genova per recarci nella vicina La Spezia, ma io una promessa la faccio: 

Torno a trovarti, Genova cara. Per quel poco che ti ho visto, mi sei tanto piaciuta. Torno a trovarti, per conoscerti e scoprirti come meriti...


29 commenti:

  1. Mou belin, sono in brodo di giuggiole. Ma che bello sentir parlar bene della propria città. Città maledetta, adorata, bastarda e madre, tutto in una volta. Grazie, che bel momento, grande Irene

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te, Massimiliano, per esserti soffermato a leggermi ^_^
      La Tua Genova ha meritato ogni mio singolo e positivo sentimento. Il massimo sarebbe stato incontrare ciascuno di voi, anche solo per un caffè al volo.
      Alla prossima, augurando maggior tempo a disposizione e la possibilità di un itinerario completo :*

      Elimina
  2. Mi associo a Massimiliano. Sono felice che Genova ti abbia emozionata e soprattutto grazie per aver sfatato il fatto che i Genovesi siano "tirchi" :-)))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti dirò, Daniele, trovo molto più taccagna la provincia romana, ne avrei da raccontare. Genova, emozionantissima: e per tutto il tempo mi son tenuta stretta il tuo benvenuto (seppur visrtuale ;)

      Elimina
  3. Io ci sono stata tanti anni fa, per un ultimo dell'anno... Ovviamente il clima era parecchio diverso dalla normalità presumo. Ma mi rimase impresso l'aver trovato parcheggio vicino vicino al luogo del concerto e non aver speso un rene per starci!

    Beh e l'acquario... Incantevole!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se vieni a Roma, nei parcheggi a pagamento ci lasci rene, fegato e pancreas XD Se poi è Capodanno c'è la possibilità che ti chiedano il trapianto di pelle :D
      Un caro abbraccio :*

      Elimina
  4. Cavolo, sì, ti è andata benissimo: prezzi irrisori.
    Da non credere.
    Io a Genova sono stato anni fa, stessi posti delle tue prime foto, e condivido quel che dici^^

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dunque, impressioni confermate ^_*...
      Sui prezzi, potrei altresì citare la margherita a 3 euro e 50 da menù; quasi manco al paesello mio in Calabria.
      Un abbraccio, Miki

      Elimina
  5. Mai stata a Genova, ma ho visitato La Spezia e non mi é sembrata cara, nè arida di sentimenti.
    Quindi saranno solo pregiudizi..
    In fondo, sai bene quante ne dicono sui Terroni....... 😉

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Uuuuuuuhhhh a bizzeffe! ;)
      Comunque... missione cartolina, compiuta! Speriamo almeno ti piaccia ^_^...

      Elimina
    2. Oleeeeeè..
      Grazie!!!! Mi piacerà sicuramente. Ti farò sapere quando arriverà. ❤

      Elimina
  6. Cara Irene, molti anni fa ho visitato quei luoghi e ti confesso ancora oggi vorrei potere ritornare, ahimè questo non è più possibile, allora posso solo sognarli.
    Ciao e buona giornata con un forte abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tomaso, mai dire mai! L'importante comunque è averli visti almeno una volta nella vita quei luoghi, i luoghi in genere.
      Abbraccio forte, mio caro :*

      Elimina
  7. Cara Irene, mi hai fatto venire voglia di rivederla. Genova è davvero una bella città, ma d’altra parte tutta la Liguria è bellissima, incantevole, con luoghi strepitosi, da sogno. Io l’ho percorsa tutta più e più volte, ma tanti anni fa. Buona giornata e grazie per questo reportage.
    sinforosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io conosco pochino il nord Italia, Sinforosa. Dovrei vergognarmi di ammetterlo, ma ho pure una grossa confusione in testa sulla geografia norditaliana in genere -_-, roba che mio marito si da le pacche in testa... Dovrò rimediare: l'unica è mettercisi di impegno e visitare l'altra metà dell'Italia che mi manca ^_^
      Un abbraccio, mia cara :*

      Elimina
  8. E invece a me Genova ancora mi manca da visitare! Cercherò di convincere il resto della famiglia ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Brava, Barbara! Convinci! Ne vale la pena... ^_*
      Un grosso bacio!

      Elimina
  9. Amica...io abito a fianco alla Crumbit....non ci credooooooooo!!!!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ecco se ci passo....suono il campanello......drinnnnn c'è Malu?? ;)

      Elimina
    2. Noooooooooo ma dai!! E dire che ti ho pensata! Ho pure il tuo numero SIGH!-_-
      Ecco, se non altro io e la Giusi adesso sappiamo dove cercarti. Alla prossima verremo insieme, e prima di suonarti ci sgarfignamo tutta la focaccia di sotto :DDD

      Bacio!

      Elimina
    3. Ma certo ragazze!! Cavolo eri proprio sotto casa mia..pazzesco!!! Ora capisci perché non riesco a stare a dieta 😆

      Elimina
  10. che bella gita .... neanch'io ci sono mai stata...passata due o tre volte ma non l'ho mai visitata...sarà sicuramente una bellissima città cone tutte le città baciate dal mare... e poi quante cose golose!!!!! sono felice vi siate trovati bene....bacioni

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco, come dicevo prima a Serena: alla prossima prima passo a prenderti, arrivando, e poi tutte e due a far le turiste a Genova *_* <3

      Elimina
  11. Irene grazie per la bellissima e sentita descrizione di Genova, città troppo spesso poco valutata…. Ma sai la cosa speciale? Genova e' da sempre una città che non si mette in mostra anzi che spesso si "nasconde" tra le pieghe di mille sfumature.. Genova non è una città per tutti… Genova é uno dei porti piu' importanti del Mediterraneo, abituata ad essere "invasa" da secoli e ha imparato a costruire mura per difendersi, mura non solo di pietra :-)… ma dietro queste mura ci sono persone dal cuore d'oro e come tutte le cose preziose non si mostra a tutti. Solo chi la attraversa e la guarda come la hai guardata tu, con la mente libera e il cuore aperto puo' VEDERLA veramente… e tu l'hai vista e ne hai colto la pura Essenza… ma non avevo dubbi su questa tua capacità… te l'ho detto no, ricordi? Genova si nasconde agli occhi di chi non può capire, di chi non è in grado di SENTIRE e di VEDERE quello che in realtà la città é... ma percepisce la profondità di chi la osserva e allora si spalanca in una infinita varietà di colori, di profumi e di essenze che avvolgono ed ammaliano il visitatore… Genova e i genovesi sono una sorta di specchio magico… se chi si specchia merita allora puo' avere e vedere… Tu ti sei specchiata e LEI ha visto la tua anima pura e sincera, curiosa e affascinata, mostrandoti parte di quello che ZENA é.
    Se tornerai e ci sarà l'occasione vi faro' da cicerone con immenso piacere!
    Un bacio
    Il Lupo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lupo, tu mi commuovi. La passione delle tue parole non ha eguali. Questo tuo commento meriterebbe di stare in calce al mio post, come degna conclusione diretta da parte di un figlio di Genova stessa, tanto per dire: ecco, signori cari, Genova, i Genovesi, son questo.

      Puoi scommetterci, quando torneremo avrò cura e piacere di proclamarti ufficialmente nostro Cicerone; e se ce ne sarà modo, sarebbe bello riunirci anche solo per un saluto con tutti voi - residenti - che ho avuto l'onore e la fortuna di conoscere attraverso questo spazio.

      Un abbraccio, Riccardo. Un grande grande abbraccio.

      Elimina
  12. A Sferracavanno (Palermo) si mangia bene e il pesce è fresco per davvero, non so in quale ristorante siete stati ma si mangia bene da tutti.
    Maurizio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La Piazzetta, se non ricordo male. Sferracavallo è SUBLIME *_*, ci ho fatto un sacco di foto e chiedo puntualmente di tornarci.

      Elimina
  13. Anche a me è piaciuta Genova, quando ci sono andata, ma ero di passaggio verso la Francia (andavo da mia cugina) e quel pomeriggio (abbiamo fatto un pernottamento prima di riprendere il viaggio) è stato bellissimo: anche noi zona porto, galeone, acquario. Mi è dispiaciuto non essere riuscita ad addentrarmi nel cuore della città, ma è un posto in cui voglio di sicuro tornare (mi sono segnata i locali in cui sei stata tu, non si sa mai: l'opinione di un'altra sicula potrebbe fare la differenza!)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Segna, segna, fidati ^_^... Siamo stati ed abbiamo mangiato benissimo. E tu lo sai quanto noi siamo esigenti in fatto di sapori e cordialità.

      Elimina